Gelato al Bonèt piemontese

Il gelato al bonèt è ispirato al classico dolce al cucchiaio piemontese di antica tradizione. Per chi non lo conoscesse è un budino al cacao con amaretti e solitamente un liquore. In questa versione gelato non utilizzeremo gli amaretti direttamente ma delle mandorle ridotte in pasta.

Il sapore finale di questo gelato al bonét sarà fortemente condizionato dalla varietà di mandorle utilizzata. Per le loro caratteristiche organolettiche vi consiglio le mandorle pizzute d’Avola, se le avete potete aggiungere un paio di armelline (le mandorle delle albicocche) che sono appunto alla base dei biscotti amaretti. Se non le avete il liquore di mandorla amara aiuterà ad ottenere i giusti aromi.

Ingredienti:

  • 350 g di latte
  • 80 g di panna
  • 70 g di saccarosio
  • 20 g di miele
  • 40 g di mandorle in pasta
  • 30 g di cacao
  • un cucchiaio di liquore mandorla amara
  • amaretti per variegare (a piacere)
  • caramello per variegare (a piacere)

Preparazione:

La prima cosa da preparare sono le mandorle, se avete a disposizione una pasta di mandorle (pura al 100%) per gelateria potete usare questa, altrimenti dovrete partire dalle mandorle crude.

Pelate le mandorle, immergendole prima in acqua bollente alcuni minuti e poi in acqua gelata si sbucceranno facilmente con le dita. Asciugatele con cura e disponetele in una teglia da forno. Accendete il forno a 160°C e mettete le mandorle in forno a tostare per circa 20 minuti mescolandole spesso. Fate attenzione a non bruciarle e tostatele di più o di meno a vostro piacere.

gelato al bonet

Quando le mandorle si sono raffreddate mettetele in un tritatutto e fatelo andare a massima velocità per diversi minuti fino a quando otterete una pasta liscia e con l’olio delle mandorle che inizia ad uscire.

Quando le mandorle sono pronte unite tutti gli ingredienti in un pentolino e mescolate con un mixer ad immersione.

Portate sul fuoco e scaldate fino alla temperatura di 85°C poi mescolate ancora con il mixer ad immersione e raffreddate il composto possibilmente in un bagno maria di acqua e ghiaccio.

Quando il composto sarà completamente freddo (meglio se il giorno dopo) accendete la gelatiera e versate a mantecare per 20-30 minuti.

Quando il gelato al bonèt sarà pronto estraetelo dalla gelatiera e lasciatelo riposare in congelatore per 30-40 minuti, poi servitelo accompagnato con amaretti e se volete con poco caramello fluido.

 

Riassunto
recipe image
Nome ricetta
Gelato al Bonèt piemontese
Pubblicato
Tempo di preparazione
Tempo di mantecazione
Tempo totale
Voto
21star1stargraygraygray Based on 1 Review(s)